Confezionamento e sterilizzazione

 

Il confezionamento è la fase conclusiva che si svolge presso la nostra sede: l’impianto, posto in una doppia provetta di polistirolo cristallo chiusa da un tappo ermetico (entrambi di produzione Acerboni), viene messo in un astuccio unitamente al foglio di istruzioni d’uso e alla doppia etichetta identificativa.

I dispositivi protesici e chirurgici sono confezionati singolarmente.

Sull’etichetta identificativa del prodotto sono riportati, oltre ai parametri dimensionali (tipologia, diametro, lunghezza…), anche il numero del lotto di produzione, il tipo di sterilizzazione (se del caso) e la durata della sterilità, che rappresentano a tutti gli effetti il documento di identità del singolo dispositivo medico.

In conformità alle norme vigenti, gli impianti Acerboni sono sottoposti a un processo di sterilizzazione a raggi ionizzanti con un dosaggio minimo di 25 kGy, che ne garantisce la sterilità per una durata di cinque anni. Il metodo di sterilizzazione è validato attraverso test periodicamente controllati in laboratori accreditati.

Presso la nostra sede è possibile richiedere le copie dei certificati di sterilizzazione riferite a un particolare impianto.

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close